Assicurazione viaggio in India

I profumi speziati dell’India, del più colorato Oriente, inebriano i viaggiatori ancor prima di partire. Non esiste una destinazione perfetta in un Paese che offre spiagge incontaminate, luoghi spirituali e culturali: la scelta dipende dai propri desideri. Quello che non bisogna dimenticare, è che nonostante la sua bellezza, lo Stato indiano versa in condizioni igenico-sanitarie precarie. La presenza di malattie endemiche in particolare, deve spronare ad informarsi sull’assicurazione viaggio India e su tutto ciò che riguarda la sicurezza e il cibo. Ecco la guida completa.

Assicurazione viaggio India: cosa copre

L’India è un Paese molto povero, in cui le strutture sanitarie oltre ad essere carenti, non offrono servizi che possano garantire cure di livello. Ciò significa che in caso di infortunio o malattia (ricordiamo che nel Paese è diffusa la malaria, la dengue e lo Zika virus), i viaggiatori possono trovarsi in serie difficoltà. Munirsi di assicurazione viaggio è essenziale perché permette di ottenere assistenza in ogni momento dall’Italia, di farsi inviare farmaci non disponibili in loco, e di ricevere cure adeguate tramite l’eventuale rimpatrio o trasferimento in altra Nazione. La polizza viaggio garantisce il pagamento diretto delle spese sanitarie, del trasporto d’urgenza e, nei casi più gravi, del ricovero e degli interventi in cliniche professionali. Oltre a queste coperture, l’assicurazione comprende il rimborso per annullamento del viaggio e la tutela del bagaglio.

Documenti, visto e formalità doganali

Per entrare in India è necessario possedere un passaporto con validità residua di almeno 6 mesi, con due pagine libere, e un visto turistico. Per brevi permanenze, fino ad un massimo di 60 giorni, chi viaggia per motivi di turismo o lavoro può esibire l’eVisa facendone apposita richiesta online sul sito https://indianvisaonline.gov.in/evisa/Registration, e ritirando il visto in aeroporto. Ai controlli aeroportuali bisogna esibire il biglietto di ritorno, e dimostrare di possedere risorse economiche sufficienti per il soggiorno. L’ingresso di animali domestici in India non è ammesso. Si segnala inoltre che nel Paese non possono essere introdotte senza autorizzazione delle Autorità apparecchiature satellitari come telescopi o rice-trasmittenti. Numerosi limiti sussistono all’importazione/esportazione di oggetti, specie di antichità e prodotti derivati da animali protetti. Per approfondire l’argomento,. basta consultare il portale ViaggiareSicuri.it del Ministero degli Affari Esteri.

Sicurezza in India

A causa degli ultimi attentati l’allerta terrorismo è elevata, specie in Kashmir, a Delhi, Rajastan, Punjab e in altre località. Sono considerati potenziali bersagli i luoghi pubblici frequentati da turisti, i mercati, le piazze, i trasporti e i centri religiosi. Negli ultimi anni le Autorità hanno inoltre registrato l’aumento di episodi di microcriminalità e di atti di violenza sessuale nei confronti delle donne. Assistenza immediata in caso di difficoltà, è fornita dall’assicurazione viaggio.

Il sistema sanitario e le vaccinazioni

La Farnesina segnala che la situazione sanitaria indiana è a rischio. In tutto il Paese sono presenti malattie pericolose come la malaria, la dengue e lo Zika virus. Il rischio di gastrointeriti è elevato, nonché le probabilità di contrarre il tifo e la meningite. Prima di partire è indispensabile consultare l’ASL per conoscere tutte le vaccinazioni necessarie, e munirsi di assicurazione che comprenda la copertura delle spese mediche, farmaceutiche e ospedaliere, l’invio di farmaci, il trasporto sanitario, il rimpatrio aereo, il consulto con un medico italiano e la traduzione di diagnosi e cartelle cliniche.

Clima e cibo

Il periodo migliore per visitare l’India va da ottobre a marzo. Durante questi mesi infatti, si può trovare un inverno soleggiato con umidità moderata. Meglio evitare i viaggi nel corso dell’estate (da aprile a giugno), troppo afosa, come è preferibile scartare la stagione monsonica (da giugno a settembre). Il clima nel Paese è generalmente di tipo tropicale-secco-umido, fatta eccezione per i dintorni dell’Himalaya. La cucina indiana è molto speziata, e l’utilizzo del curry, del cumino e della curcuma caratterizza molti piatti, principalmente a base di riso, carne e verdure. Fra i più famosi c’è sicuramente la samosa: croccante antipasto ripieno di verdure, tuberi o carne. Il byriani è una specialità completa composta da riso basmati bollito, spezie, verdure, pesce e carne. Il dessert tradizionale è il laddu (polpetta dolce a base di uvetta, semola, scaglie di cocco e all’occorrenza frutta secca tritata).

Scopri la nostra assicurazione viaggio
Assicurazione con annullamento viaggio incluso
Fai un PREVENTIVO »

Ti chiamiamo gratis!

Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00.

Un nostro consulente ti contatterà per trovare la soluzione più adatta a te.

Gratis e senza impegno