Assicurazione viaggio in Brasile

Il Brasile è un Paese colorato, musicale e selvaggio allo stesso tempo. Chi non ha mai sentito parlare del carnevale di Rio, e della bellissima spiaggia di Copacabana? Tra una caipirinha e un tuffo nel mare blu, c’è sempre spazio per visitare monumenti e siti incantevoli come la Foresta Amazzonica. Le precauzioni però non vanno mai dimenticate. Prima di partire, è bene informarsi sulla tutela offerta dall’assicurazione viaggio contro ogni imprevisto. Ecco una guida completa comprensiva dei suggerimenti del Ministero degli Affari Esteri in tema di sanità e sicurezza.

Assicurazione viaggio Brasile: cosa copre

In uno Stato esteso come il Brasile, in cui molte località non presentano servizi sanitari comparabili a quelle europei, la polizza sanitaria è indispensabile. Le strutture private sono molto costose, e in caso di infortunio o malattia (leggi quali sono le malattie endemiche presenti al paragrafo sulla sanità) non si riceve adeguata assistenza. L’assicurazione viaggio Brasile è una vera garanzia, perché copre le spese mediche, farmaceutiche, l’eventuale rimpatrio, e fornisce assistenza continuativa in lingua italiana. In più, offre la tutela risarcitoria in caso di furto o smarrimento del bagaglio e altri effetti personali, e l’indennizzo in caso di annullamento della partenza.

Documenti, visto e formalità doganali

Quali documenti servono per entrare in Brasile? In primo luogo occorre un passaporto con validità residua di almeno 6 mesi, che abbia almeno due pagine libere al momento dell’ingresso nel Paese (il documento vale per una permanenza non superiore a 90 giorni nell’arco di 180 giorni). Per i soggiorni di durata inferiore o uguale a 90 giorni il visto non è necessario, ma è importante sapere che per viaggi di affari o turismo le Autorità brasiliane chiedono l’esibizione del biglietto aereo di andata e ritorno. L’introduzione di animali domestici come cani e gatti è subordinata al possesso del Certificato Zoosanitario Internazionale, che indichi la data di vaccinazione antirabbica. Un fac-simile del documento può essere scaricato dal portale ufficiale del Consolato brasiliano a Roma.

Sicurezza in Brasile

L’attuale situazione politica comporta il verificarsi di disordini anche nelle principali città (San Paolo, Rio de Janeiro e Brasilia). Per questo motivo, prima di scegliere la propria destinazione, è preferibile aggiornarsi tramite i mass media. Il Ministero degli Affari Esteri inoltre, invita i viaggiatori a tenere alta la soglia di attenzione a causa dell’alto tasso di criminalità. Non di rado in Brasile si fa ricorso all’omicidio per futili motivi, alla rapina a mano armata e ai sequestri lampo, specie nelle località turistiche e nei dintorni degli hotel. Per proteggere la propria incolumità e mettersi al riparo da furti e aggressioni, è consigliabile munirsi di assicurazione viaggio.

Il sistema sanitario e le vaccinazioni

Nella maggior parte del Paese le strutture sanitarie sono carenti, e quelle presenti nelle principali città hanno costi elevati pur non offrendo servizi di livello. Il Ministero degli Affari Esteri sconsiglia vivamente di partire senza aver stipulato un’assicurazione viaggio a copertura di spese mediche, farmaceutiche, dei costi ospedalieri e dell’eventuale rimpatrio. L’area del Pernambuco è afflitta dallo Zika virus, mentre nei pressi della Foresta Amazzonica sono diffuse malattie endemiche come la malaria e la dengue, è quindi consigliata a chi si reca in queste zone un’adeguata profilassi antimalarica. È preferibile inoltre vaccinarsi contro la febbre gialla. Per maggiori informazioni su vaccinazioni obbligatorie e malattie presenti in Brasile, basta consultare l’apposita sezione sanitaria-Brasile sul portale ViaggiareSicuri.it.

Scopri la nostra assicurazione viaggio
Assicurazione con annullamento viaggio incluso
Fai un PREVENTIVO »

Clima e cibo

Recarsi in Brasile nel mese del Carnevale (aprile) e non parteciparvi sarebbe un vero peccato. Dalla primavera all’autunno, in ogni caso il clima è mite, con scarse precipitazioni sulla costa, più rigido al sud. Anche i mesi estivi sono ideali per visitare il Paese in lungo e in largo, sconsigliata l’estate, che va da gennaio a febbraio, per le temperature molto elevate e la massiccia affluenza di turisti. Il piatto nazionale è la feijoada, i cui ingredienti principali sono i fagioli neri e la carne. Molto utilizzato è anche il pesce, soprattutto i gamberi e il granchio. Famosissimo e esportato anche all’Estero è il churrasco: gustoso barbecue di carne alla brace.

Ti chiamiamo gratis!

Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00.

Un nostro consulente ti contatterà per trovare la soluzione più adatta a te.

Gratis e senza impegno