Assicurazione viaggio in Israele

Meta indiscussa per i viaggi spirituali, Israele è la destinazione ideale anche per gli appassionati di natura e archeologia, che potranno ammirare i paesaggi del Mar Morto, le rovine di Masada, e attraversare i suggestivi itinerari del Sentiero Nazionale. A causa degli scontri in atto però, è consigliabile stipulare un’assicurazione viaggio Israele: ecco cosa copre e perché è doveroso acquistarla.

Assicurazione viaggio Israele: cosa copre

Lo Stato di Israele è afflitto da episodi di violenza che minacciano costantemente l’incolumità dei cittadini e dei turisti in visita. Per ottenere assistenza dall’Italia, è indispensabile munirsi di assicurazione viaggio Israele: uno strumento di supporto utilissimo ai viaggiatori in difficoltà.

La polizza viaggio in Israele garantisce assistenza in ogni momento, tramite un Servizio Clienti attivo 7 giorni su 7, 24 ore su 24. Fra le coperture rientra l’annullamento viaggio, che permette di ottenere il rimborso delle penali di disdetta del volo e dell’hotel; l’assicurazione contro il furto o lo smarrimento del bagaglio, che risarcisce il valore dei beni, e l’assicurazione medico-sanitaria. Quest’ultima rappresenta la copertura più importante, perché prevede che in caso di infortunio o malattia, il viaggiatore possa giovare del pagamento delle spese farmaceutiche, ospedaliere – nonché dell’eventuale rimpatrio- da parte della compagnia.

Documenti, visto e formalità doganali

Per entrare in Israele è necessario un passaporto con validità residua di almeno 6 mesi. Il visto d’ingresso è obbligatorio solo per soggiorni oltre i 90 giorni. È importante sapere che all’arrivo in aeroporto, il viaggiatore riceverà un tagliando contenente le proprie generalità e i termini del visto, da esibire per recarsi nei territori Palestinesi e da custodire fino al rientro in Italia. Per soggiornare nei territori Palestinesi oltre i 90 giorni e per motivi diversi dal turismo (studio o lavoro) bisogna richiedere il visto Judea e Samaria only rilasciato dalle Autorità israeliane. I controlli aeroportuali possono essere invasivi, prevedere interrogatori e comportare il respingimento. Si consiglia di rimanere sempre in contatto con la propria Ambasciata, e di munirsi di assicurazione viaggio Israele per ricevere pronta assistenza.

Sicurezza in Israele

L’ultimo comunicato della Farnesina risale a dicembre 2017, e raccomanda ai viaggiatori di tenere alta la soglia di attenzione a Gerusalemme e in Cisgiordania, se possibile, di evitare viaggi non indispensabili in queste destinazioni. I recenti scontri tra Forze dell’Ordine e manifestanti -anche a Tel Aviv- hanno coinvolto i civili in episodi di violenza quali lanci di pietre e accoltellamenti, si consiglia dunque di aggiornarsi sulla situazione in atto. A sud, dove è in vigore il cessate-il-fuoco a tempo indeterminato, persistono i lanci di razzi da Gaza. La Farnesina raccomanda di non avvicinarsi ai confini con il Libano e la Siria, di non recarsi nelle aree desertiche nei pressi del Sinai e in Golan, dove sono presenti campi minati. Per maggiori informazioni su rischi e attraversamento valichi frontiere, basta consultare il portale ViaggiareSicuri.it del Ministero degli Affari Esteri.

Il sistema sanitario e le vaccinazioni

Il Sistema Sanitario Nazionale non copre i costi medici sostenuti in loco. Per ottenere assistenza sanitaria in caso di malattia o infortunio, si consiglia di stipulare un’apposita assicurazione viaggio Israele. L’assicurazione garantisce il consulto con un medico italiano, la traduzione di cartelle cliniche e diagnosi, la copertura delle spese farmaceutiche, il trasporto sanitario, il ricovero e il rimpatrio. Non sono previste vaccinazioni obbligatorie.

Clima e cibo

Il Paese può essere visitato tutto l’anno, ma le differenze climatiche fra regioni del nord e del sud sono molto marcate. La primavera è il momento ideale per dedicarsi alle escursioni, o per ammirare le bellezze di Gerusalemme e Tel Aviv. L’estate sulla costa è torrida, da scartare a causa delle temperature molto elevate.

La gastronomia israeliana offre un’incredibile varietà di pietanze: dai deliziosi falafel (mix di ceci, fave e spezie) al famoso hummus (crema a base di pasta di ceci tritati e salsa di sesamo). Le tipicità locali comprendono anche la shwarma (street-food a base di carne in pita, condita con salse, hummus e sottaceti) e la shakshouka (salsa di pomodoro, cipolle e altre spezie guarnita con uovo in camicia).

Scopri la nostra assicurazione viaggio
Assicurazione con annullamento viaggio incluso
Fai un PREVENTIVO »

Ti chiamiamo gratis!

Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00.

Un nostro consulente ti contatterà per trovare la soluzione più adatta a te.

Gratis e senza impegno