Consigli di viaggio: le Maldive, un paradiso immerso nel blu

La Repubblica delle Maldive, situata nell’Oceano Indiano, racchiude 26 atolli e migliaia di isole coralline. Molte sono disabitate, il che le rende nell’immaginario collettivo e nella realtà, paradisi del relax immersi in un mare dalle mille sfumature blu. Raggiungerle è un sogno che può avverarsi: basta un budget sufficiente, un po’ di organizzazione, e la raccolta di informazioni indispensabili.

Un soggiorno alle Maldive di sette notti in formula All Inclusive costa attorno alle 1400 € a persona. Per godersi una vacanza all’insegna del mare e del sole prevenendo gli imprevisti, è preferibile rivolgersi ad un’agenzia specializzata in viaggi ai Tropici. Ricordiamo infatti che le Maldive si trovano dall’altra parte del Mondo.

Il consiglio è rivolto, in particolare, a quelle persone che per viaggiare serene desiderano acquistare una vacanza organizzata sotto ogni profilo: dall’hotel al volo, fino ai trasporti e alle escursioni. Un’agenzia professionale, oltre a creare un pacchetto su misura, è in grado di rispondere a tutte le domande del cliente, e di fornire ogni informazione utile su documenti e assicurazione viaggio.

Non è detto d’altra parte che organizzare un viaggio fai-da-te sia pericoloso. Molti viaggiatori trovano le offerte in autonomia, contattano l’Ambasciata per il visto, acquistano una polizza sanitaria, leggono le recensioni degli hotel, e il più delle volte in questo modo, risparmiano fino al 30%.

Se è questo il caso, basti sapere che i più bei Resorts si collocano sugli atolli di Lhaviyani, Malé e Raa, ma c’è addirittura chi prenota una guest house nelle isole dei pescatori (gli estimatori delle Maldive consigliano Huraa) per risparmiare e per vivere un’esperienza a stretto contatto con la cultura locale.

Il volo dall’Italia dura circa 10 ore e generalmente prevede degli scali. Le Maldive sono servite da diverse compagnie aeree tra cui Alitalia e Neos Air, ma ne esistono molte altre (anche low cost). Riguardo al fuso orario bisogna calcolare 5 ore in più. Quanto ai trasporti, una volta giunti all’aeroporto di Malé, basta muoversi con i traghetti locali o con un motoscafo per raggiungere l’atollo di riferimento. Al porto si viene scortati in pulmino, ma è importante sapere che se si raggiungono le Maldive in tarda serata, si dovrà trascorrere almeno una notte a Malé per l’assenza di transfer in orario notturno.

Dal 2016 per entrare nel Paese è necessario il passaporto elettronico, e per ottenerlo, basta fare domanda alla Polizia di Stato. Il visto d’ingresso dura 30 giorni, è obbligatorio, e viene rilasciato all’aeroporto di arrivo. È possibile prolungare il soggiorno fino a 90 giorni con apposita richiesta, da inoltrare all’Autorità per l’immigrazione locale una volta giunti a destinazione. Di ritorno da un viaggio alle Maldive è normale acquistare dei souvenirs, a patto che non si tratti di coralli, conchiglie, oggetti in tartaruga, pesci o altri animali in quanto l’esportazione è severamente vietata.

Il periodo migliore per andare alle Maldive va da dicembre ad aprile. I mesi più freddi in Italia corrispondono alla stagione secca locale, durante la quale gli atolli godono di temperature ideali, miti, perfette per fare il bagno nelle acque cristalline maldiviane senza temere precipitazioni.

Il cuore della vita economica è Malé, movimentata capitale dell’arcipelago in cui trovare hotel, negozi e servizi di vario genere. L’impronta del credo ufficiale (la religione islamica) è tangibile nei monumenti presenti, specie nella Hukururu Miskiy. Si tratta della più antica moschea del Paese, di colore bianco, che si specchia nel cielo terso. Da non perdere, sempre a Malé, è la National Art Gallery. Costruita nel Sultan’s Park, custodisce preziose testimonianze del passato, tra cui abiti tipici, gioielli e tamburi laccati, e una pregiata testa di Buddha in corallo bianco. Dal punto di vista storico-culturale la destinazione più affascinante è l’isola di Utheemu, in cui si trova il palazzo-museo del sultano Mohammed Thakurufaanu.

C’è chi si reca alle Maldive solo per lo snorkeling, e non a torto. Le isole, circondate da sabbia candida e mare trasparente, sono abbracciate da un mare ricco di scogliere coralline e pesci tropicali. Per gli amanti della vita subacquea le mete perfette sono l’atollo di Ari e Malé Nord, dove si trovano punti d’immersione meravigliosi. Gli atolli settentrionali come Noonu sono i più selvaggi, perfetti per staccare la spina e lasciarsi andare alle carezze del sole.

Eleonora D'Angelo

Scopri la nostra assicurazione viaggio
Assicurazione con annullamento viaggio incluso
Fai un PREVENTIVO »

Ti chiamiamo gratis!

Un nostro consulente ti contatterà per trovare la soluzione più adatta a te.

Gratis e senza impegno