Consigli di viaggio: vacanze in Argentina

Meta imperdibile per gli amanti dei paesaggi mozzafiato, l’Argentina raggiunge i 2.780.400 chilometri quadrati, che ne fanno il secondo Stato latinoamericano per estensione e sicuramente tra i più interessanti al mondo per la varietà di climi e ambienti e per le meraviglie naturali che offre a chi si avventura alla sua scoperta da Nord a Sud.

La capitale Buenos Aires, punto di arrivo dei voli internazionali dall’Italia, è una città cosmopolita con forti influenze europee, molto vivace ed animata, perfetta come prima tappa per entrare nell’atmosfera e per iniziare a fare il pieno di colori, arte, storia, ma anche relax e divertimento. Tra le tappe classiche per una prima visita c’è sicuramente il Cabildo, palazzo governativo che oggi ospita il Museo Nazionale della Rivoluzione di Maggio, e che regala una vista unica sulla Plaza de Mayo. Avendo tempo di visitare la città non mancano spunti artistici, storici e religiosi, tra questi la Catedral Metropolitana, che conserva anche il mausoleo del generale José de San Martín, eroe della guerra di indipendenza argentina.

Dopo aver salutato l’obelisco di Plaza de la República, chi si avventura alla scoperta dell’Argentina può optare per l’aereo, con voli interni che vanno a coprire le grandi distanze di cui si compone il tour a tappe. Una valida alternativa, soprattutto per tragitti relativamente brevi, è contare sulla rete di autobus, molto estesa e attrezzata per i tragitti turistici. Una terza opzione è il noleggio di veicoli privati, a costi non eccessivi soprattutto se ci si affida alle compagnie locali. Per regalarsi un divertente viaggio nel tempo, in Patagonia c’è la Trochita, linea ferroviaria oggi monumento storico nazionale, che collega Esquel a El Maitén con una locomotiva a vapore. Al confine con il Cile invece, a Salta, il Tren a Las Nubes porta i passeggeri a oltre 4.000 metri sul livello del mare per un’esperienza di viaggio unica nel suo genere.

Spaziando dalle 275 cascate dell’Iguazù, al confine con il Brasile, fino al ghiacciaio Perito Moreno, nel sud della Patagonia, spostandosi dalle foreste alle isole e ai ghiacci della Terra del Fuoco, la vastità dell’offerta in Argentina molto difficilmente può deludere i viaggiatori, invitati a comporre un percorso su misura e anche a godersi, venendo dall’Europa, una seconda estate nell’emisfero australe. Partendo dall’Italia non è necessario un visto, sarà sufficiente il passaporto per avere una carta di soggiorno di 90 giorni.

Daniela Dall'Alba

Scopri la nostra assicurazione viaggio
Assicurazione con annullamento viaggio incluso
Fai un PREVENTIVO »

Ti chiamiamo gratis!

Un nostro consulente ti contatterà per trovare la soluzione più adatta a te.

Gratis e senza impegno