Rimpatrio sanitario: cos'è e perché è importante

Restare vittime di incidenti o malattie durante il viaggio, è un’ipotesi scongiurabile ma frequente. Non c’è partenza esente da imprevisti, a prescindere dalla destinazione, dalla durata del soggiorno e dalle accortezze adottate. L’assicurazione medica svolge un essenziale ruolo di tutela per il viaggiatore, copre infatti le spese farmaceutiche, le prestazioni ospedaliere e il rimpatrio sanitario. Fondamentale nella scelta della polizza è la presenza di quest’ultimo, che in alcuni casi può salvare la vita.

L’infortunio e la malattia sono eventi inattesi. A maggior ragione prima che si verifichino, bisogna munirsi di strumenti idonei ad affrontarli. L’esigenza di tutela sanitaria è superiore all’Estero, specie se si viaggia verso Stati a rischio, ma garantirsi il rimpatrio sanitario è una scelta responsabile per ogni destinazione. L’importanza del rimpatrio (o evaquazione d’emergenza) viene in rilievo quando il viaggiatore malato, o gravemente infortunato, non può ricevere cure nel luogo in cui si trova (lo Stato ospitante), e debba rimpatriare o essere trasferito in altro Stato presso strutture adeguate.

Al rimpatrio per malattia, infortunio o decesso provvede la compagnia assicurativa. Le procedure sono diverse in base alle condizioni del paziente (lievi, gravi o molto gravi ). Il trasferimento può avvenire con aereo di linea o privato, sempre e comunque accompagnati da personale medico. Talvolta il paziente viaggia su voli sanitari: piccoli aerei con le stesse dotazioni delle ambulanze, che assicurano il trasporto in condizioni di sicurezza.

La procedura più complessa è quella di rimpatrio della salma, perché coinvolge aspetti legali e burocratici. Le compagnie specializzate comunque, dispongono di convenzioni con agenzie funebri locali e internazionali. Generalmente, accertata la causa della morte, un medico locale provvede alla relativa certificazione. Il passo successivo è la registrazione dell’evento nei registri dell’Ambasciata competente, e solo infine si procede al trasferimento. La bara utilizzata, rigorosamente in zinco, deve essere sigillata e controllata con apposita procedura dalle Autorità consolari o dall’ambasciatore. Il rientro avviene con aereo di linea.

Eleonora D'Angelo

Scopri la nostra assicurazione viaggio
Assicurazione con annullamento viaggio incluso
Fai un PREVENTIVO »

Ti chiamiamo gratis!

Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00.

Un nostro consulente ti contatterà per trovare la soluzione più adatta a te.

Gratis e senza impegno